GIULLARTE

L??arte dei GIULLARI nelle antiche arie,musiche, giullarate, canzoni a ballo e madrigali

Non so se l??arte dei giullari stia alla base del teatro moderno _ e più in generale dello spettacolo_ quello che è certo è che comunque la figura del giullare è un punto di riferimento ben preciso per ogni teatrante , e questo del tutto indipendentemente dalla consapevolezza che si abbia del fatto.
Una certa immagine oleografica ottocentesca suggerisce al modo comune di rappresentare l??idea fallace del giullare identificato con il ?? buffone di corte ??. Il giullare non è stato soltanto questo… Il giullare è un mimo che, oltre ad usare il gesto, si avvale della parola , della musica e del canto, che solitamente non si affida al testo scritto ma alla tradizione orale, alla memoria ed all??improvvisazione ( I testi delle giullarate che ci sono giunti sono stati trasmessi da scrivani, chierici o notai che avevano assistito allo spettacolo).
Altra figura della quale si ha di solito un??immagine sbagliata è quella del Trovatore; comunemente lo si pensa come un tale che girava di corte in corte componendo canzoni più o meno d’amore e mettendo in musica le vicende raccolte nel suo peregrinare. In realtà i trovatori erano persone di alto ceto che si dilettavano a ??Trovare ?? , a comporre musiche e rime la dove erano, invece, i giullari che questi componimenti portavano in giro di corte in corte. Ruggero Pugliese, un senese del ??200, elenca in una ballata tutto quello che deve saper fare un buon giullare:

??corteggiare, cantare, uncinare, imbrogliare, far di peso, di conto, dileggiare i leggiadri, barare a carte, ai dadi, giurare il falso, far serenata a sfregio e ad ammicco, parlare finto latino , greco vero far apparire vero il falso e quasi falso il vero… ??.

Lo spettacolo che,consapevoli eredi dei Giullari andiamo a proporre prevede musici, cantanti e attori,rigorosamente in costume giullaresco che suonano danze medioevali e cantano antiche ballate, amorosi madrigali e che all?? occasione raccontano storie antiche, aneddoti e facezie sempre contrappuntate da musiche d??epoca per flauti, viella , liuto, gaite sgnaccheri, altre piccole percussioni ed altri strumenti, a seconda del caso… non dimenticando l??improvvisazione e il motto arguto che maggiormente favoriscono il coinvolgimento del pubblico.

This entry was posted in Medioevo e dintorni. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>