Il Poeta di Corte

Il Poeta di corte è tipo da penna d??oca e gioca. Col cuor del colore d??estempore cantore dice di gesta e d??amore ? e cortesie senza tempo, epoche della memoria; dimensioni sottili come fili di tela di ragno; isole che non ci sono ma s??intuiscono appena un millimetro fuori della coda dell ??occhio; minuti che fuggono e tornan d??ora in ora , nei chiasmi della storia e negli oceani al di là del cielo toccato con un dito,la ove si squarcia il velo dell ?? apparenza con impazienza volando a cavallo di un Pegaso imbizzarrito verso immagini di stelle. Note musicali colorate a pastello contrappuntano l ??armonia delle sfere nei pomeriggi di primavera e nelle sere d??estate quando la luna ammicca a un Arlecchino dagli occhi persi in un punto all?? infinito regno di tutti gli amanti e salgono i canti , fumo di fuochi sulla spiaggia.Agile
musa quieta , discreta, segreta come un giardino murato che il fato vuole dischiuda le sue porte al guizzo del giullare o alla musica silente della morte ?

L??intervento- spettacolo così si presenta e si sostanzia:

IL POETA ( ma anche musico, giullare, fine dicitore ecc.) organizza in piccolo spazio il suo studio ?? Lo scriptorium- con calamaro, penne d??oca e pergamene ? e anche con i suoi strumenti musicali dai flauti antichi al

liuto, alla cornamusa alle bombarde, alla chitarra barocca e rinascimentale?Soprattutto con il repertorio vastissimo di cantore, musico, affabulatore e ? la scienza del poeta estemporaneo pronto a confezionar sui due piedi poemi per ogni occasione e seduta stante

cantarli con voce d??usignolo ( nell?? eventualità pure supportato da piccola ma geniale amplificazione nascosta a batteria ricaricabile, messa a punto dal medesimo).

L??intervento consta di un canovaccio molto libero all?? interno del quale IL POETA può a seconda dell?? occasione improvvisare carmi a tema; cantare d??amore in rima (Per il momento l??opzione è rivolta soltanto agli astanti di genere femminile); sciorinare dal repertorio pezzi di commedia dell?? arte, di teatro giullaresco, o tratti da classici come il Cirano di Rostand o invece proporre canzoni trobadoriche o danze ( Le più semplici possono anche essere insegnate sul momento al pubblico coinvolto) .

La proposta prevede l??intervento di un attore- musico- cantante ??IL POETA? che non ha bisogno di nient??altro che la presenza della gente con cui interagire ( Versione minimale) eventualmente
(versione classica e completa) accompagnato e supportato dalla DAMA con la quale è possibile allargare esponenzialmente le possibilità espressive, musicali, coreutiche ma anche comiche.

This entry was posted in Medioevo e dintorni. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>